Dispositivi di sicurezza per automobili

Quali sono i migliori dispositivi di sicurezza per le auto nel 2020

I dispositivi di sicurezza all’interno delle auto hanno subito un notevole miglioramento nelle prestazioni negli ultimi anni. Questo accade perché ci sia un sempre minor numero di incidenti stradali con conseguenze importanti sulle persone e sulle cose. I dispositivi di sicurezza si possono poi dividere in passivi ed attivi, a seconda del ruolo e della tipologia di installazione che essi hanno all’interno dell’autovettura.

Quali sono i dispositivi passivi di sicurezza all’interno di un’autovettura?

Sono definiti dispositivi di sicurezza passivi tutti quegli strumenti utili a smorzare un colpo, durante un incidente stradale. L’assorbimento di un urto, infatti, riduce di molto le conseguenze negative di un incidente. Uno dei dispositivi passivi di cui si sente parlare è il telaio: le auto sono infatti costruite per ripiegarsi su se stesse in caso di urto, così da assorbire con tutta l’energia possibile l’urto stesso. Altro strumento che minimizza le conseguenze negative è la cintura di sicurezza che, secondo le leggi vigenti, deve essere indossata appena si entra all’interno di un veicolo, a prescindere se si stiano occupando i posti anteriori o quello posteriori. La cintura di sicurezza consente al conducente o al passeggero di non sbattere contro il parabrezza, infrangendolo o, nella peggiore delle ipotesi, sbalzando fuori dalla vettura. L’airbag è un cuscino contenuto in più punti all’interno dell’autovettura, che si gonfia e si libera nel caso di urti molto violenti. La loro funzione è paragonabile a quella delle cinture di sicurezza perché blocca il conducente o il passeggero sul sedile, senza che abbia a che fare con il vetro del parabrezza. Per bloccare il passeggero o il conducente in senso contrario, nel caso di un colpo subito dalla parte anteriore della vettura verso quella posteriore, è stato ideato invece il poggiatesta: la sua posizione e la sua stabilità, consentono di bloccare la testa della persona nel caso in cui essa sia portata all’indietro. Un altro strumento di sicurezza passivo, nel caso in cui si stia trasportando un bambino, è il seggiolino di sicurezza, che va montato come da istruzioni e a cui va sommato il moderno dispositivo di segnalamento di presenza del bambino a bordo, nel caso ci si stia allontanando senza di lui dall’autovettura.

Quali sono i dispositivi attivi di sicurezza all’interno di un’autovettura?

Sono definiti strumenti attivi di sicurezza tutti quelli che sono in grado di prevenire letteralmente un incidente stradale. Mentre quelli passivi agiscono nel caso in cui l’incidente avvenga, per scongiurare conseguenze negative dello stesso; quelli attivi servono per segnalare il rischio che il sinistro avvenga. L’ABS è un sistema di sicurezza attivo: è un sistema che consente il bloccaggio delle ruote nel caso di slittamento delle stesse. Lo slittamento può avvenire o perché il battistrada degli pneumatici si è ormai consumato, oppure per un manto stradale particolarmente scivoloso. Se non interviene l’ABS a bloccare lo scivolamento delle ruote, si può perdere il controllo della macchina con conseguenze anche fatali.

L’ESP è invece un sistema intelligente che regola singolarmente la stabilità di ciascuna ruota, nel caso di uno sbandamento o di una curva pericolosa, specialmente se effettuata a grande velocità. L’ESP agisce sulla distribuzione dell’accelerazione e sull’impianto frenante.

Il TCS è un dispositivo che agisce sulle ruote dell’auto: nel caso di perdita di aderenza a causa della strada ghiacciata nella stagione invernale, interviene il TCS che sposta la trazione sulla coppia di ruote che percepisce come più aderenti al manto stradale, per non creare slittamenti. Decelerando la ruota che si sta staccando dalla strada, sposta la pressione su quelle di maggiore trazione.

Negli ultimi modelli di auto, vi sono anche dispositivi che suonano nel caso in cui si stia conducendo la vettura con difficoltà: questi sistemi controllano il numero di battiti delle ciglia del conducente e lo avvertono nel caso in cui si stia dimostrando più stanco del previsto per affrontare il percorso, suonando ininterrottamente fino alla sua totale ripresa. Questi dispositivi sono pensati per prevenire ed ovviare alle conseguenze di un colpo di sonno in strada, che potrebbe diventare un incidente stradale.

Posted in Servizi.